Il Linguaggio Segreto dei Fiori

IL LINGUAGGIO DEI FIORI

Dillo con un fiore è un motto che si tramanda di generazione in generazione ed è sempre risultato un valido mezzo per esprimere un sentimento in mancanza di parole. E’ quindi molto utile conoscere questo grande patrimonio fatto di simboli per donare il fiore giusto per ogni occasione e per dare forza nell’esprimere un sentimento. Regalare il fiore giusto significa inviare il messaggio esatto per esprimere il proprio stato d’animo. Con i fiori si può espriemere qualsiasi tipo di sentimento: dalla gelosia all’amore, dalla passione all’amicizia.

In natura esistono diversi linguaggi. Il più ammirato è certamente quello dei fiori, specie estremamente simboliche, sia nei miti del passato che nella tradizione più recente. Sono tante, infatti, le leggende che hanno per protagonisti i fiori ed i loro diversi ed innumerevoli significati. Naturalmente, con il termine “linguaggio” non si intende che i fiori parlano, anche se a ben guardarli, a volte sembra proprio che ci dicano qualcosa. Con i fiori, in effetti, è possibile dire senza parlare, esprimendo emozioni e sentimenti anche inconfessabili.

Molte specie fiorite hanno un significato sacro, quasi religioso. Questo linguaggio appartiene in genere ai fiori bianchi, massima espressione del candore e dell’innocenza. Significato opposto, invece, per i fiori di colore rosso, dove si simboleggia l’amore e la passione. Ci sono i significati classici di fiori molto noti, come quelli d‘arancio, ad esempio, tradizionalmente i fiori degli sposi, perché simboleggiano gli auguri di felicità, abbondanza e prosperità. Questi fiori indicano anche fecondità. Esistono anche fiori rossi che non esprimono necessariamente sentimenti d’amore o di innamoramento. Citiamo, sempre a titolo di esempio, l’amaranto, pianta con foglie di colore rosso scuro o amaranto, appunto. Questa specie non appassisce ed è per questa caratteristica che nel linguaggio dei fiori viene considerata come la pianta dell’eterna amicizia. I fiori dei capricciosi sono invece la bocca di leone e l’aquileia, quest’ultima simboleggia anche l’egoismo.

amaranthus

Rustic bouquet of snapdragon (Antirrhinum majus) on vintage wood

aquileia

Scoprire il vero linguaggio dei fiori consente di usarli e regalarli per esprimere o per dichiarare le proprie emozioni, sia in negativo che in positivo. Naturalmente, ci auguriamo che i fiori vengano regalati sempre per ragioni positive, magari anche sentimentali. Dire “ ti amo” con un fiore vale molto di più che dirlo con le parole. E’ quindi importante conoscere a priori i fiori con un significato amoroso.
I fiori sono la parte più bella e vistosa delle piante. La loro bellezza non è visibile in tutte le specie, poiché certe piante arbustive, arboree, cespugliose o erbacee, fioriscono poco o non fioriscono affatto in particolari condizioni. Nella maggior parte dei casi, però, i fiori rappresentano un componente vegetale di straordinaria bellezza, una parte composta da petali più o meno grandi, da sepali, stami , stigma, antere, ovario, calice e pistillo. Questi componenti possono variare da una specie all’altra, ma grosso modo sono presenti in molte piante e donano al fiore la sua forma caratteristica a calice, ombrello, a imbuto e con petali aperti o chiusi o disposti a cerchio. La forma e la sagoma dei fiori cambiano sensibilmente e vistosamente da una specie all’altra. La natura, infatti, è popolata da milioni e forse miliardi di fiori che emettono gradevoli o sgradevoli ( dipende dalla specie) fragranze.
I petali dei fiori, più o meno grandi, possono essere colorati, con macchie o screziati. Le diverse tonalità di colore dei fiori comprendono quasi tutte le scale cromatiche, ad eccezione di colori quali il nero. In natura esistono infatti anche fiori blu. Questo colore non appartiene a tutte le piante, ma ad alcune specie particolarmente apprezzate per la loro resa estetica. Possiede fiori blu la speronella perenne, ad esempio, pianta erbacea da coltivare solo per fini ornamentali, poiché molto tossica se ingerita. Anche alcune particolari varietà di viola presentano fiori blu. A dispetto del nome, infatti, la viola può assumere differenti tonalità di colore. Difficile, invece, trovare rose blu anche in versione ibrida. Le attuali ibridazioni non hanno portato a risultati apprezzabili nel campo della produzione di rose blu. Quelle attualmente presenti sul mercato sono, infatti, delle rose blu colorate tramite sostanze chimiche. Peccato, però, rovinare dei fiori così belli con delle colorazioni artificiali( ci viene voglia di dire “artificiose”).

speronella viola blu

Tuttavia, la varietà di fiori è talmente sconfinata che ogni specie, di qualsiasi forma e colore, è in grado di esprimere un messaggio o specifici significati. Il linguaggio dei fiori comprende infatti diversi significati, dai più generosi e positivi ai più reconditi e sinistri. Amore e odio sono proprio le due facce contrapposte del linguaggio dei fiori.

Il linguaggio dei fiori affascina moltissimo e sono tante le persone che vorrebbero conoscere più a fondo il significato dei fiori. Capire il messaggio, conoscere la storia ed iniziare ad utilizzare correttamente, come delle persone esperte, i giusti fiori a seconda delle circostanze.

Conoscere il significato dei fiori è importante anche per non farci trovare impreparati di fronte ad un messaggio espresso in forma non verbale, come per esempio un omaggio floreale realizzato con determinati fiori o determinati colori. I fiori si sviluppano assieme

alla pianta, poiché componenti fondamentali della struttura vegetale di una determinata specie. Tuttavia, in alcune occasioni, i fiori possono essere separati dalle piante per essere regalati singolarmente o a gruppi. I fiori raggruppati consentono di creare delle magnifiche composizioni o bouquet usati in occasione di cerimonie e matrimoni. E’ bene però sapere che non tutti i fiori possono essere recisi. Di solito, vengono separati dalla pianta quelli ancora in forma di bocciolo, con il gambo molto duro e verde. Questa caratteristica consente ai fiori recisi di mantenersi sani a lungo e di sbocciare autonomamente senza trarre nutrimento della pianta madre. Anche questi fiori possono esprimere diversi significati. Regalare un’orchidea recisa, ad esempio, fiore coltivabile anche se staccato dalla pianta madre, esprime ringraziamento e riconoscenza. Il bocciolo reciso di rosa, specie se di colore rosso, esprime invece un’intensa e travolgente passione amorosa.

0032 11501T

I fiori non sono soltanto una parte fondamentale della pianta, ma anche un importante soggetto dei nostri sogni. Sognare fiori o sognare fiori appassiti, recisi o da coltivare, indica un particolare stato d’animo del sognatore. Nel linguaggio dei sogni, i fiori rappresentano la sessualità femminile o il corpo della donna. Il sognatore potrebbe quindi esprimere, attraverso il sogno, un preciso desiderio sessuale. Sognare di coltivare fiori significa invece che bisogna prendersi maggiormente cura di se stessi e delle proprie passioni. Sognare fiori che sbocciano esprime un desiderio di rinascita. Nei sogni, lo sbocciare dei fiori indica sempre un cambiamento o una novità positiva. Sognare fiori appassiti indica profonda tristezza e malinconia. Nel sogno, i fiori recisi esprimono, invece, una sofferenza individuale, una delusione o una sensibilità ferita. Sognare fiori con spine indica, infine, una personalità ostile e aggressiva.
I fiori si possono trovare nei campi, in vivaio o presso i fiorai e i fioristi. Le specie fiorite spontanee che sbocciano nei campi ci regalano ogni anno i magnifici “fiori di campo”. Con questi fiori, anche senza spendere nulla, si possono creare deliziosi bouquet da usare magari per cerimonie in luoghi rustici o piuttosto informali. Personale esperto come quello di Atmosphere saprà consigliarvi sulla specie da scegliere in base alla stagione e al clima. Noi fioristi siamo anche degli abili artigiani della decorazione floreale. Abili a lavorare sia con fiori veri che finti, ma anche con quelli freschi e secchi.

fiore-di-campo_O1

tarassaco

Abbiamo visto i più svariati significati che i fiori possono assumere ma

un’altro esempio di significato dei fiori, molto primario e alla base della loro funzione è la rinascita e la vita.

 

Annaffiare le piante durante la calda Estate – Tips

Temperature veramente sahariane per chi vive l’estate in città quest’anno. Nelle ultime settimane stiamo soffrendo un caldo afoso che ci porta a bere continuamente per combattere la disidratazione. Immaginate come stanno le nostre piante in vaso, sotto il sole implacabile, nei balconi o nei terrazzi roventi di città! Anche loro hanno bisogno di bere molto di più del solito! Ma di quanta acqua hanno bisogno? E come possiamo difenderle dal caldo eccessivo? Ecco qualche suggerimento…

Quando si raggiungono stabilmente temperature sui 30 gradi e oltre, molte piante si “fermano”. Per ridurre il proprio consumo idrico e la traspirazione, smettono di dar vita a nuove foglie, e spesso anche a nuovi fiori. Sono però pronte a riprendere appena tornano le energie o se viene assicurato un costante apporto di acqua che permetta alla pianta di rimanere in equilibrio dal punto di vista energetico. In questo però possiamo aiutarle.

idee-per-balconi

034

 


ACQUA MATTINA PRESTO E SERA

Non c’è niente da fare: se non avete un impianto d’irrigazione, per le piante da fiore tipo gerani e surfinie esposte al pieno sole sul balcone, l’annaffìo è d’obbligo ed è spesso e volentieri è doppio. Nei vasi stretti infatti, come le tipiche cassette, l’umidità evapora in un batter d’occhio, lasciando le nostre amiche velocemente a secco: considerato che si tratta di piante che “lavorano” moltissimo, producendo fiori a getto continuo, le bagnature sono essenziali. Le cassette ideali? A riserva d’acqua!

innaffiare-piante

BAGNATURE PROFONDE 

Se abbiamo piante in terrazzo, in queste settimane quando le annaffiamo, facciamolo a lungo e con calma, finché non vedremo l’acqua scorrere fuori dai fori sul fondo. Solo così avremo la certezza che la terra si sia imbevuta bene. Facciamolo anche con le piante grasse, seppur più raramente: inturgidiranno le foglie e saranno molto più in forma.

 UNA BELLA DOCCIA

Ogni tanto ricordiamoci di fare una “doccia” totale alle nostre amiche verdi (orchidee e tropicali comprese): in natura la pioggia bagna tutto, foglie e rametti, non solo il terreno. Così dobbiamo fare anche ogni tanto, la chioma diventerà lucente e bella! Invece del classico getto a pioggia, sulla bocchetta della canna possiamo optare per il “misting”, che vaporizza l’acqua, per non bagnare troppo intorno. L’importante è che il vento poi possa asciugare bene tutto. Attenti, le uniche non apprezzano questo trattamento sono le rose. Quelle che lo apprezzano di più? Le felci!

consiglio-annaffiare-le-piante-810x474

CORTECCIA NEI VASI
Sulla superficie del terriccio nei vasi possiamo stendere uno strato di corteccia spezzettata alto qualche centimetro: questo permetterà di contrastare la siccità e la “morsa” alle radici tipica della carenza di umidità. La corteccia si trova in sacchetti in qualsiasi garden.

 MEGLIO VASI DI PLASTICA

Usiamo di preferenza vasi di plastica, invece che di cotto: è vero che la plastica si scalda molto, però dalla sua ha il vantaggio di non essere porosa. L’acqua dunque non traspira dal vaso, cosa che invece succede immeditamente con il vaso di cotto, in particolare quello non smaltato. La pianta dunque ha pochissimo tempo per assorbirla, con il rischio  di asciugarsi pochissimo tempo dopo essere stata bagnata. Un trucco è quello di avvolgere il vaso tutto intorno con un sacchetto di plastica  nei giorni più bollenti e irrigare, togliendo l’acqua residua solo a sera inoltrata.

 Sì AL SOTTOVASO O AL COPRIVASO

In questo momento il sottovaso può essere di grande aiuto. Accumula infatti una piccola quantità d’acqua che la pianta può assorbire nell’ora seguente all’annaffiatura. In caso poi abbiate a che fare con ortensie in vaso, è praticamente indispensabile in queste settimane: si tratta infatti di piante che ne consumano tantissima e che vi obbligherebbero altrimenti a continue corse con l’irrigatore in mano, pena trovarle continuamente “sdraiate” sul pavimento! Anche il coprivaso è un’opzione: solo, fate attenzione a svuotarlo un giorno sì e uno no per evitare marciumi.

65124

SPOSTIAMOLE ALL’OMBRA
Se assistiamo a crisi idriche continue che ci costringono a bagnare le nostre piante continuamente, possiamo optare per uno spostamento temporaneo in una zona del balcone o del terrazzo meno soleggiata: l’ombra ridurrà nettamente il consumo d’acqua e alleggerirà la nostra incombenza. Fra qualche settimana, all’attenuarsi delle temperature, potremo riportarle al loro posto. Non avete spazi in cui spostarle? Usate un …ombrello colorato, fissandolo al balcone in modo che protegga la pianta dal sole più cocente: può diventare una soluzione estremamente decorativa!

METTIAMOCI A LAVORO!!!

I fiori in un matrimonio da favola – Tips

L’allestimento di un matrimonio da favola, dalla cerimonia al ricevimento, va preparato nei minimi dettagli con mesi di anticipo sul fatidico giorno.

Un matrimonio da favola si identifica con colori, fiori, location e abiti dallo stile definito. Eleganza, grazia e fascino sono gli ingredienti immancabili per un ricevimento da sogno. La sposa romantica sceglie un abito bianco classico, in pizzo o in tulle ricamato con un velo a lunga coda: maniche di pizzo e un corpetto con le spalline sono un dettaglio raffinato ed elegante. Accessori e trucco sono sobri e raffinati, per non scadere nell’eccesso. Castelli e antiche ville restano le location più ambite per un matrimonio romantico ma l’ultima tendenza è di organizzare un ricevimento in una piccola casa di campagna, circondata da un giardino fiorito e immersa nella florida natura primaverile. Gli allestimenti e le decorazioni devono essere garbati e aggraziati: per le tavole scegliete tovaglie lunghe e leggermente rimborsate e decorazioni floreali sobrie e dalle profumazioni delicate. Lo stile d’arredo più adatto per conferire al vostro matrimonio un mood romantico è in bilico tra il romantico e il principesco con linee curve e sinuose, un po‘ liberty e art noveau, un po chic un po lussuoso e dal look vintage. Nel tardo pomeriggio e di sera, rendete ancora più magica l’atmosfera con tante piccole luci, lanterne e candele, l’accessorio più romantico che ci sia!

sposi da sogno

La scelta di un fiorista professionista è di sostanziale importanza, infatti grazie alla sua collaborazione darete un tocco speciale e unico alla giornata più bella; con una meravigliosa cornice floreale a farvi da contorno.

I Fiori

Per le sensibilità più intime e delicate si disegneranno allestimenti floreali eterei e iperfemminili, fatti di texture velate e leggere.

Il tuo bouquet  sarà rotondo o a cascata, con i gambi stretti da nastri in seta o della stoffa dell’abito da sposa che daranno al bouquet un aspetto ultra femminile e da sogno.

bouquetpeony wedding bouquets

L’ allestimento floreale. I fiori sono presentati in composizioni semplici, ingenue, (fintamente) casuali. Perfette le rose a testa grande, a grappolo o le rose inglesi, le peonie e le ortensie, gli anemoni e i ranuncoli, in generale tutte le fioriture a stelo sottile che danno l’idea di delicati fiori.  Alcune fioriture sono prettamente legate alla bella stagione ma altre sono disponibili tutto l’anno rendendo la possibilità di scelta piuttosto flessibile in rapporto alla stagione.

Il luogo del tuo ricevimento sarà abbellito da archi di fiori, vasi ricchi di delicate composizioni e da petali di rosa.

Abbondanza di velo da sposa, grappoli di roselline, teneri ranuncoli, anemoni, tulipani, peonie, ortensie, mughetti e viburnum sono tra le scelte privilegiate negli allestimenti floreali del matrimonio da favola.

wedding dream

2 (1)

I Colori

Preferirai il rosso, il rosa e il bianco, colori acquerellati  accostati in armoniose cromie.

Predilette rimangono comunque le nuance chiare e polverose dei rosa cipria, verde menta, blu pastello, le tinte salmonate, i toni neutri come gli ecrù, i tortora e i grigi e naturalmente tutti i bianchi, dai crema ai panna agli avorio.

Cosa Aspettate? Lasciatevi ispirare!

 wedding collage